Sicurezza sul lavoro

3 03 2011

Campagna Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro
“Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene”

Prende il via il 23 agosto 2010, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la Campagna di Comunicazione integrata che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali dedica alla sicurezza sui luoghi di lavoro.

La tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori rappresenta una assoluta priorità per l’Italia che, secondo le indicazioni dell’UE, ha l’obiettivo di ridurre del 25% gli infortuni sul lavoro entro il 2012. Un traguardo piuttosto ambizioso ma di grande importanza, non solo in relazione ai costi che il fenomeno infortunistico produce (oltre 45 miliardi di euro all’anno nel 2005 secondo i dati INAIL, pari al 3,21% del PIL), ma principalmente per l’attenzione dedicata alla dimensione sociale ed umana del problema.

In tale scenario, il progetto di comunicazione del Ministero, così come previsto nel D.Lgs. 81/2008, anche noto come Testo unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ha la esplicita finalità di promuovere un vero e proprio cambiamento culturale, un processo collettivo di sensibilizzazione e responsabilizzazione, in cui ogni cittadino assume un ruolo attivo.

Dalle statistiche, infatti, emerge che la maggior parte degli incidenti sul lavoro possono definirsi di natura “comportamentale”. Con questo dato, naturalmente, non si vuole imputare la responsabilità del fenomeno al lavoratore ma, al contrario, evidenziare quanto sia importante l’investimento delle imprese e delle istituzioni pubbliche nella formazione, nell’informazione e in tutte quelle attività che consentono di prevenire il determinarsi di una condizione di rischio.

Sulla base di tali premesse, è stata realizzata una campagna di tipo emozionale che, abbandonati i toni gravi e le mere raccomandazioni, mira a colpire e coinvolgere maggiormente l’opinione pubblica grazie ad un punto di vista inusuale e a cambiare l’approccio comunemente adottato rispetto a un problema drammatico e purtroppo ancora molto diffuso.

Sicurezza sul lavoro. La pretende chi si vuole bene. Lo slogan della campagna si sofferma sull’importanza che il mondo degli affetti riveste per ciascuno di noi, sottolineando indirettamente quanto la prevenzione e l’attenzione che investiamo ogni giorno sul luogo di lavoro siano determinanti per non metterlo a repentaglio. Lo spot, in particolare, descrive con immagini di vita quotidiana il rientro a casa dopo il lavoro, mettendo in risalto il clima di affetto e accoglienza che tale momento rappresenta. In apertura l’invito a far sì che questi momenti non si trasformino solo in ricordi, alludendo alla tragedia di un eventuale incidente sul lavoro. Il calore dei sentimenti contrapposto alla freddezza della loro brusca interruzione rappresenta un invito cogente al senso di responsabilità di ognuno di noi.

La campagna, pur rivolgendo l’attenzione all’intera popolazione, ha come target specifici sia i lavoratori (con un particolare focus per i settori economici individuati come a maggior rischio di incidenti: edilizia, agricoltura e trasporti) che i datori di lavoro, nella convinzione che la strategia di contrasto degli infortuni sul lavoro può risultare massimamente efficace se messa a “sistema”, con una effettiva collaborazione di tutte le parti coinvolte.
Per i lavoratori si ribadisce il diritto ad un lavoro sicuro, come forma di tutela della propria famiglia. Per i datori di lavoro si sottolinea il dovere di assicurare il ritorno a casa di chi lavora, attraverso il rispetto delle regole sulla sicurezza, come condizione strettamente correlata al valore della propria azienda e alla possibilità di affrontare con serenità la propria vita.

La campagna proposta è multisoggetto: l’agricoltore, il capocantiere e l’autotrasportatore, così come l’imprenditore, ciascuno nel rispettivo contesto, riceve lo stesso richiamo ai valori in gioco quando si tratta della tutela dei propri affetti e, quindi, della sicurezza sul lavoro.

Il messaggio degli annunci stampa completa ed esplicita il senso della campagna.
Per i lavoratori: qualunque lavoro tu faccia, tornare a casa da chi ti ama è un diritto. E la cultura della sicurezza è la migliore prevenzione dagli infortuni. Segui le regole che tutelano il bene più importante per te e i tuoi cari: la tua vita.
Per i datori di lavoro: qualunque azienda tu diriga, far tornare a casa chi lavora è un dovere. E la cultura della sicurezza è la migliore prevenzione dagli infortuni. Segui le regole che tutelano il bene più importante per la tua azienda: te e i tuoi collaboratori.

Conclude il messaggio il riferimento ad una specifica area di questo sito da cui è possibile accedere alle informazioni relative ai temi chiave della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro, alle iniziative e alle attività in corso, agli ambiti di intervento istituzionali, alla normativa di riferimento e ai quesiti posti sulle sue modalità di applicazione.

La campagna nazionale, la cui la creatività e produzione sono state realizzate dall’agenzia Acciari Consulting, si svolgerà da agosto 2010 a maggio 2011 e si svilupperà in tre fasi.

Il progetto di comunicazione prevede non solo l’utilizzo dei mezzi classici della comunicazione pubblicitaria, televisione, stampa, radio, internet, cinema e affissioni, ma anche la programmazione di interventi sul territorio rivolti in particolare ai giovani.  Per i più piccoli, dal 6 settembre 2010, sul sito http://www.imparolasicurezzagiocando.it/, sarà possibile partecipare ad un videogioco a premi realizzato per divulgare le norme di sicurezza negli ambienti e nelle situazioni di vita più familiari ai bambini.

Scheda interventi (formato .pdf 100,59 Kb)

Spot video 1 (formato .wmv)
Spot video 2 (formato .wmv)
Spot video 3 (formato .wmv)

Spot audio 1 (capo cantiere) (formato .wma)
Spot audio 2 (imprenditore) (formato .wma)
Spot audio 3 (operaia tessile) (formato .wma)
Spot audio 4 (autotrasportatore) (formato .wma)
Spot audio 5 (lavoratore agricolo) (formato .wma)

• Affissioni
– agricoltore (formato .pdf 512 Kb)
– coppia (formato .pdf 390 Kb)
– famiglia (formato .pdf 443 Kb)
imprenditore (formato .pdf 376,6 Kb)

• Stampa
agricoltore (formato .pdf 356,05 Kb)
coppia (formato .pdf 355,01 Kb)
famiglia (formato .pdf 336,38 Kb)
imprenditore 1 (formato .pdf 298,81 Kb)
imprenditore 2 (formato .pdf 339,62 Kb)

 


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: